23 OTTOBRE: I SOLISTI VENETI IN CONCERTO A FAVORE DI LILT ALL’AUDITORIUM DI MILANO

laVerdi è lieta di ospitare il concerto a favore di LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori e della sua Campagna Nastro Rosa.

L’appuntamento con questa speciale occasione è per giovedì 23 ottobre (ore 20.30) all’Auditorium di Milano: protagonisti sul palco di largo Mahler I Solisti Veneti, diretti da Claudio Scimone.

VENITE A TROVARCI IN FIERA A PADOVA

Pubblicato: 21 ottobre 2014 in Mondo Jazz

La notte nera del Jazz: a Moncalieri si celebrano i 200 anni del Sax e dell’Arma dei C

loghi%20Notte%20nera.jpg

LA (DOPPIA) NOTTE NERA DEL JAZZ
VIII edizione

Venerdì 31 ottobre – Sabato 1 novembre 2014

Moncalieri (TO)

Anche quest’anno l’anticipazione del celebre festival Moncalieri Jazz sarà improntata ad un suggestivo trinomio musica-divertimento-gusto. La ridente cittadina piemontese sarà la cornice di un perfetto incastro tra grande sound ed eccellenza gastronomica improntata al numero 200: una speciale vetrina – unica nel suo genere – sarà infatti dedicata ai festeggiamenti del bicentenario della nascita di Adoplhe Sax e della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Nell’ambito della diciassettesima edizione del Moncalieri Jazz Festival , che quest’anno si svolgerà dal 31 ottobre al 15 novembre 2014, è in arrivo la Notte Nera del Jazz, una lunga maratona musicale notturna che nelle scorse edizioni ha entusiasmato tutta la città e che quest’anno raddoppierà, in due serate di inaugurazione del festival, che si terranno rispettivamente il 31 ottobre e il 1° novembre, entrambe ad ingresso libero.

Le vie, le piazze, i siti architettonici di particolare interesse nel Centro Storico della città si metteranno così in “bella” mostra, così come il Castello Reale che diventerà un vero proprio scrigno contenitore di concerti, mostre, visita in notturna dello scalone e dei locali del circolo ufficiali appena restaurati, stand dedicati al jazz, degustazioni di cocktail e prodotti tipici piemontesi. Una sfida di pubblico ed appassionati che mira a superare l’incredibile affluenza dell’anno scorso: non meno di ventimila persone solo nel centro storico cittadino!

I festeggiamenti a suon di musica avranno inizio alle ore 19.30 del 31 ottobre, in sette locali del Centro storico con l’ora dell’Aperitivo in Jazz dove, sulle splendide note di gruppi ad hoc, uno per ogni locale interessato, si potrà godere del connubio tra il coinvolgente suono dei musicisti e la creatività dei Barman che creeranno per l’occasione cocktail originali e grandi classici. Alle ore 21, nella centrale Piazza Vittorio si assisterà – come ogni tradizione di black night moncalierese che si rispetti, al concerto della Notte Nera: a gran richiesta, ritornano i FUNK OFF , la migliore marchin’ band italiana che ha già elettrizzato letteralmente il pubblico presente alle sue esibizioni.

Il numero 200 sarà il leit-motiv di questa iniziativa che celebrerà il giorno successivo (1 novembre), in modo davvero originale ed in diversificate espressioni artistiche, una doppia ricorrenza: il bicentenario della nascita di Adolphe Sax e della fondazione dell’Arma dei Carabinieri.
I festeggiamenti in onore del primo comprenderanno una corsa in Vespa di tutti i saxophonisti, in collaborazione con i Vespa Club Torino – Carmagnola – Chieri e Ceresole d’Alba (partecipazione libera) attraverso un percorso cittadino appositamente studiato; una mostra unica al mondo, SAX200SAX, curata da Attilio Berni e allestita – tanto per non sbagliare di numero – con 200 saxofoni, 200 fotografie d’epoca, 200 documenti originali, 200 imboccature e 200 accessori; il concerto del Saxophobia Ensemble, che prevede una performance con 30 saxofoni incluso il Sax più grande al mondo, il sub/contrabbasso J’Elle Stainer vincitore dei Guinness dei primati 2014.
L’Arma dei Carabinieri sarà invece onorata con un concerto-evento della Fanfara del 3° Btg. Carabinieri Lombardia, diretta dal M.llo Andrea Bagnolo che eseguirà un irripetibile repertorio jazzistico insieme a noti musicisti jazz che hanno militato nell’Arma dei Carabinieri, come Claudio Chiara (da circa 20 anni a fianco a Paolo Conte), Valerio Signetto (nella big band di Gianni Basso), Dario Cecchini (leader dei Funk Off), Flavio Boltro (già trombettista di Michel Petrucciani) e Gianfranco Marchesi (Trombone dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai).

Un inizio promettente per un festival (la cui programmazione verrà comunicata a breve) che vedrà quest’anno successivamente in scena e non a caso (sempre alle Fonderie Limone) i migliori interpreti della scena sassofonistica internazionale, tra cui Benny Golson, Kenny Garrett, Rosario Giuliani, Emanuele Cisi, Piero Odorici e Francesco Cafiso, senza dimenticare la grande scuola dei saxofonisti piemontesi passati dal leggendario Gianni Basso.

LA NOTTE NERA DEL JAZZ. PROGRAMMA

Venerdì 31 Ottobre 2014 – CENTRO STORICO di MONCALIERI

APERITIVO IN JAZZ
Centro Storico: ore 19.30
L’Oragiusta Caffetteria-Ristorante-Pizzeria Birreria:
ORDINARY PEOPLE Quintet
Paolo Celoria (Sax) – Leonardo Pasquali – (voce e chitarra) – Diego Teisa (hammond – tastiere) – Mike Pusceddu (basso el.) – Davide Bissacco (batteria)
Gasprin dal 1929 gelato e delizie
Jacopo Albini (sax) – Sergio Di Gennaro (pianoforte) – Marco Piccirillo (contrabbasso) – Alessandro Minetto (batteria)
Caffè Città
Marco Tardito (sax alto) – Marco Pezzuti (sax tenore) – Roberto Pedroli (pianoforte) – Gianni Giannella (contrabbasso) – Andrea Rodighiero (batteria)
Cafè Saturnio
Valerio Signetto (sax contralto) – Fabio Gorlier (piano)
Vineria Punto d’Ascolto & Class In The City
Settima Alterata
Ezio Petrini (sax) – Valentina Nicolotti (voce) – Tony Rapacciulo (tromba) – Mauro Brignolo (trombone) – Fabrizio Airola (organo – piano) – Benny Pezzuto (basso) – Paolo Narbona (batteria)
La Dispensa di Cèlia
Gigi Di Gregorio (sax tenore) – Tiziana Cappellino (piano/voce)

******

GRANDE CONCERTO
Piazza Vittorio Emanuele II – ore 21.00
FUNK OFF
Dopo 15 anni di attività e più di 600 concerti possiamo dire che i FUNK OFF non solo sono stati la prima funky marchin’ band italiana, ma che hanno letteralmente dato un senso nuovo alla parola Marchin’ Band in Italia. Hanno infatti legato a quest’accezione un tipo di musica che unisce il groove della black music ad arrangiamenti di tipo jazzistico, ad uno stile e ad una melodia italiana, a movimenti e coreografie di grande impatto visivo ed emotivo. Sulla loro scia decine e decine di gruppi simili sono nati in Italia, ma la loro energia, la loro grinta, il loro affiatamento e l’originalità della loro musica, scritta e arrangiata da Dario Cecchini, fondatore e leader della band, sono uniche ed inimitabili!
Nati nell’inverno del 1998, dopo un’ intensa attività live arrivano all’attenzione dei responsabili di Umbria Jazz. Voluti nel 2003 come ospiti in occasione del trentennale di Umbria Jazz, hanno colorato e riempito di energia di Funk e Soul, Jazz e R&B le strade di Perugia, approdando poi sul palco di un entusiasta James Brown. Da allora la band è stata sempre presente in tutte le altre edizioni del celebre festival perugino. Inoltre sono stati la marchin’ band ufficiale dell’XI, XII, XIV, XV edizione di Umbria Jazz Winter ad Orvieto. Nell’edizione del 2004, il 1° gennaio, hanno suonato nel Duomo di Orvieto durante la messa della Pace.
www.funkoff.it

……..E DOPO IL GRANDE CONCERTO, SI RITORNA NEI LOCALI PER CONTINUARE AD ASSAPORARE LA BUONA MUSICA CON IL GUSTO DI UN BUON DRINK……

*******

Sabato 1 Novembre 2014 – CASTELLO REALE di MONCALIERI
8a NOTTE NERA DEL JAZZ – Castello Reale

GRANDE RADUNO DI SAXOFONISTI
Il Grande Raduno prevede il ritrovo di 200 saxofonisti in collaborazione con i Vespa Club Torino – Carmagnola – Chieri e Ceresole d’Alba alle ore 14.00 con partenza alle ore 15,30 da Piazza Martiri per la Libertà e percorreranno Via San Martino, nel centro storico cittadino, in sella alle mitiche Vespa, sino ad arrivare in Piazza Vittorio Emanuele II a Moncalieri, dove ad attenderli ci saranno i famosi Funk Off. A suon di Jazz marceranno tutti insieme sino a raggiungere l’entrata del Castello Reale di Moncalieri per aprire ufficialmente la manifestazione e festeggiare tutti insieme la grande kermesse musicale in occasione della “ Notte Nera del Jazz”.

******

GRANDE CONCERTO
pJAZZ d’ Armi : ore 17.00
1814-2014. Omaggio al Bicentenario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri
e al Bicentenario della nascita di Adolphe Sax
Fanfara del 3° Battaglione Carabinieri Lombardia
Diretta dal M.llo Andrea Bagnolo
Special guest:
Claudio Chiara: Sax Alto e polistrumentista da circa 20 anni del cantautore Paolo Conte
Valerio Signetto: Sax Alto già saxofonista della big band di Gianni Basso
Dario Cecchini: Sax Baritono leader dei Funk Off
Flavio Boltro: Tromba già trombettista di Michel Petrucciani
Gianfranco Marchesi: Trombone dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Per rendere ancora più unico il concerto si uniranno anche i Funk Off.
La Fanfara dei Carabinieri ha origine nel 1820, alcuni anni dopo la fondazione del Corpo dei Carabinieri Reali (avvenuta nel 1814), quando vennero arruolati i primi militari trombettieri chiamati "Trombetti". Da questo iniziale nucleo si evolverà negli anni sino ad assumere l’attuale denominazione nel 1946.
La Fanfara è composta da 30 elementi ed è diretta dal Maresciallo Ordinario Andrea Bagnolo che dopo aver frequentato il corso presso la Banda centrale dell’Arma dei Carabinieri in Roma è stato destinato dal Comando Generale a questo incarico. Il Capo Fanfara ha iniziato a studiare pianoforte in giovane età e qualche anno più tardi intraprende lo studio del jazz e della composizione. E’ iscritto da molti anni alla SIAE ed ha al suo attivo numerose composizioni originali e arrangiamenti per varie formazioni. E’ laureato a pieni voti in “Musica d’uso” presso il conservatorio “Martini” di Bologna e in “Musica Applicata” presso il conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara.

******

Infernotti del Castello: ore 17.30 – ore 20,30

Cosa Abbiamo…?… Jazz Band
Pietro Maria Paolucci (sax tenore) – Giuliano Graziani (chitarra) – Marco Parodi (chitarra) – Enrico Ciampini (contrabbasso) – Gianni Fidanza (pianoforte) – Ferdinando Paris (fisarmonica) – Fernando Paris (basso el.) – Luca Rigazio (batteria)

******

Sala della REGINA: ore 18.30
Swing e Jazz
Saxophobia Ensemble
Attilio Berni (saxofoni) – Alessandro Crispolti (pianoforte) – Christian Antinozzi (contrabasso) – Alfredo Romeo (batteria) – Sergio Stramacci (assistente) – Miriam Ciardo (presentatrice)
Esibizione con 30 saxofoni (incluso il Sax più grande al mondo il, sub/contrabbasso J’Elle Stainer vincitore dei Guinness dei primati 2014)

******

Circolo Ufficiali: ore 20.00
in collaborazione con RAMPONE & CAZZANI handmade italian saxophone
TRUE VOICES SAX QUARTET
Davide Grottelli (sax tenore) – David Brutti (sax baritono) – Giancarlo Maurino (sax soprano) – Carlo Micheli (sax alto).

******

APERITIVO IN JAZZ
pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato DX) – ore 19.30
Catering & Banqueting F.lli FONTANA
Funky/ Smooth Jazz
Paolo Celoria quartet
Paolo Celoria (Sax tenore) – Diego Teisa (hammond e tastiere) – Simone Tartarini (basse el.) – Stefano Petrini (batteria)

******

pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato SX)- ore 19.30
L’Oragiusta Caffetteria-Ristorante-Pizzeria Birreria
Cuccuini Quartet – special guest Flavio Boltro (tromba)
Roberto Regis (sax) – Guido Canavese (pianoforte) – Isabella Rizzo (contrabbasso) – Maurizio Cuccuini (batteria)
special guest Flavio Boltro (tromba)

******

pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato DX) – ore 19.30
Proseccheria F.lli SIMEONI

******

GRANDE CONCERTO
pJAZZ d’ Armi : ore 21.00
Grande Concerto sul palco centrale
FUNK OFF

******

Il GUSTO IN JAZZ ore 22.30
Punti “gastronomico/musicali” che accontenteranno tutti i gusti.
Degustazione gratuita ed esibizione di gruppi jazz:

pJAZZ d’ Armi : Lato DX
Risotto – offerto dalla Proseccheria F.lli SIMEONI

pJAZZ d’ Armi : Lato SX
Trippa ‘d Muncalè – offerto da Paolo Casto e Fabio Melodoro
Porchetta dello Chef – offerto da Ristorante Tosa

pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato SX)
Pizza – offerto da L’Oragiusta Caffetteria-Ristorante-Pizzeria Birreria

pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato DX)
Dolce: Pan Griota e Moncalieresi al Rum – offerto dalla Pasticceria DAF

******

GRUPPI JAZZ

pJAZZ d’ Armi : Cavallerizza Jazz (lato DX) ore 22.30
BBB trio – special guest Luca Biggio (sax)
Flavio Boltro (tromba) – Luca Biggio (sax) – Mauro Battisti (contrabbasso) – Mattia Barbieri (batteria)

******

pJAZZ d’ Armi : Lato SX Cavallerizza Jazz (lato SX) ore 23.00
Funky
Freelance plays Steely Dan
Gianluigi Corvaglia (sax tenore) – Stefano Cocon (tromba) – Max Carletti (chitarra) – Marco Cimino (tastiere) – Roberto Cello (basso el.) – Gianpaolo Petrini (batteria) – Roberto Coli (voce) – Lorenza Giusiano e Annemarie (cori)

******

L’ARTE IN JAZZ
MOSTRE
Infernotti – Scalone e Circolo Ufficiali del Castello:
dalle ore 17.00

SAX200SAX
A cura del Centro Studi Musicali di Torre in Pietra, con la J’Elle Stainer (Brasile)
con il Patrocinio dell’Ambasciata del Belgio in Italia
Il saxofono e le sue metamorfosi dagli strumenti di Adolphe Sax
al sub-contrabasso J’Elle Stainer
“Nel 1844 Adolphe Sax inventa il saxofono. Col timore di essere derubato del brevetto, decide di presentarlo suonandolo nascosto dietro una tenda e…”
Il saxofono nel corso di 150 anni ha infatti subito una miriade di trasformazioni ed un numero impressionante di variazioni. Da anonima pipa di nichel, da parente lontano e bastardo del clarinetto relegato ad avvilenti manovalanze bandistiche, ha saputo trasformarsi nello strumento re del jazz capace di esprimere rabbia, desideri, sonorità ed umori più disparati, divenendo l’icona multiforme del novecento.
Con questa mostra il saxofono, al suo 200esimo compleanno, vedrà esporre 200 saxofoni, 200 fotografie d’epoca, 200 documenti originali, 200 imboccature e 200 accessori intende celebrare il 200° anniversario della nascita del grande Adolphe Sax.
Un’imponente ed unica manifestazione a livello mondiale che attraverso analisi storiche, organologiche, musiche, storie ed incredibili strumenti, conferenze e workshop racconterà le vicende di uno dei personaggi più geniali della storia della musica e le metamorfosi della sua creatura. Ax200Sax è anche un viaggio straordinario nelle metamorfosi e nel variegato mondo dei suoni del saxofono nel quale il pubblico potrà ammirare, dibattere ed ascoltare alcuni tra gli strumenti musicali più rari, inusuali e bizzarri mai costruiti: dal piccolissimo sax soprillo di soli 32cm al sax tenore diritto L.A.Sax al Grafton Plastic di Charlie Parker, dal Conn O Sax al Goofus Sax di Adrian Rollini, dai saxofoni a coulisse, dagli strumenti appartenuti all’inventore dello strumento Adolphe Sax ai sax tenori appartenuti a Sonny Rollins o a Tex Beneke il solista dell’orchestra di Glenn Miller ed artefice degli assoli più famosi del jazz (In The Mood, Chattanooga Choo Choo, ecc…); dulcis in fundo, sarà esibito, in anteprima mondiale, uno strumento unico al mondo, finora solo teorizzato e mai costruito prima: il gigantesco saxofono sub-contrabasso J’Elle & Stainer alto 3 metri.
Data:
Dall’1 all’8 novembre 2014
Orari:
Martedì – Mercoledì – Giovedi e venerdì con orario dalle ore 16 alle ore 19.
Sabato al mattino dalle ore 10 alle ore 13 e nel pomeriggio dalle ore 15 alle ore 18.
La visita è guidata e ad ingresso libero, con cadenza oraria con gruppi di max 20 persone. E’ obbligatoria la prenotazione telefonando al numero info

MOSTRA FOTOGRAFICA
I saxofonisti del Moncalieri Jazz Festival
di FERDINANDO CARETTO
Ferdinando Caretto è il fotografo ufficiale del Moncalieri Jazz Festival, un appassionato di musica jazz che coniuga la passione per la fotografia con quella per la musica. Per l’occasione presenterà i suoi scatti fotografici dei più grandi saxofonisti che sono transitati al Moncalieri Jazz Festival sino ad oggi.

JazzArt
di BEPPE GROMI
Sguardi e paesaggi umani nella Musica Jazz di Beppe Gromi

Carabinieri. Due secoli d’Italia 1814- 2014
Un modo per ripercorrere e raccontare i primi due secoli di vita dei Carabinieri, che sono indissolubilmente legati a quelli della nazione e del Piemonte.
L’iniziativa è realizzata da ANSA, con il sostegno di Consiglio e Giunta regionale del Piemonte in occasione del Bicentenario dell’Arma.

CONCERTO
Sala della REGINA:
dalle ore 18.30
S A X O P H O B I A
in occasione del bicentenario della nascita dell’inventore del saxofono Adolphe Sax
A cura del Centro Studi Musicali di Torre in Pietra
Con il Patrocinio dell’Ambasciata del Belgio in Italia
Concerto – Spettacolo ideato, scritto e diretto da Attilio Berni
Saxophobia è un evento straordinario ed in esclusiva mondiale che attraverso musiche, storie ed incredibili strumenti, racconta la storia dello strumento divenuto l’icona multiforme del novecento. Un concerto-evento nel quale Attilio Berni, oltre a suonare 35 strumenti musicali diversi, rende omaggio all’inventore belga dello strumento Monsieur Adolphe Sax ed ai grandi esecutori del jazz che hanno abbracciato questo strumento. Un percorso originalissimo che sfida il tempo, ridando vita alle passioni ed alle emozioni da sempre soffiate dentro questo tubo misterioso.
Saxophobia Ensemble
Attilio Berni: (saxofoni)
Alessandro Crispolti: (pianoforte)
Christian Antinozzi: (contrabbasso)
Alfredo Romeo: (batteria)
Sergio Stramacci: (assistente)
Miriam Ciardo: (presentatrice)
VISITA STRAORDINARIA SERALE/NOTTURNA ALLO SCALONE ED AI LOCALI DEL CIRCOLO UFFICIALI DEL CASTELLO REALE
Con la collaborazione della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli
A partire dalle ore 17.00 sino alle ore 24,00 con gruppi di max 15 persone, apertura straordinaria in visita serale/notturna allo Scalone (appena restaurato) e dei locali del Circolo Ufficiali del Castello Reale di Moncalieri.
La visita è guidata ad ingresso libero ed è a cura degli Amici del Real Castello e del Parco di Moncalieri. Le guide aspetteranno i visitatori sotto l’atrio all’interno del Castello, proprio all’ingresso dello Scalone e dei locali del Circolo Ufficiali.
Servizio NAVETTA GRATUITO della ditta CANOVA
solo per SABATO 1 Novembre a partire dalle ore 16.00 sino alle ore 01.00 con cadenza ogni 20 minuti.
Partenza da Piazza Panissera (parcheggio cimitero Moncalieri) con arrivo piazza Baden Baden (e ritorno).


c?q=j%3dQNR%26s%3dQ%267%3dKDUS%269%3dBSRS8%268%3dSwh1tuhWywmZ-QN8V-MKAZ-tNhR-wT8XOKE4xKi2%26C%3dNFYMQ9TN

SABATO 11 OTTOBRE torna CRESCENDO IN MUSICA – XVI

Sabato 11 ottobre, all’Auditorium di Milano in largo Mahler (ore 16.00) torna Crescendo in musica, la rassegna de laVerdi dedicata ai bambini, ragazzi e le famiglie, giunta quest’anno alla sedicesima edizione, con 15 appuntamenti fino a dicembre 2015 (cinque in più della scorsa stagione).

Il ritorno di

CRESCENDO IN MUSICA

I sabati per i ragazzi, i bambini e le famiglie

Una nuova scintillante edizione (sedicesima)

tra animali, fiabe, danza, giochi e natura

Primo appuntamento

GLI ANIMALI

sabato 11 ottobre 2014 – ore 16.00

Auditorium di Milano – largo Mahler

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Francesco Bossaglia

Voce narrante Peppe Barra

Entra nel quarto lustro di vita Crescendo in Musica, la rassegna de laVerdi del sabato

pomeriggio per i ragazzi, i bambini e le loro famiglie, giunta alla sedicesima edizione

consecutiva.

Crescendo in Musica propone 15 incontri, da ottobre 2015 a dicembre 2015

(cinque in più dello scorso anno), inserendosi a pieno titolo nella maxi stagione di 16

mesi che laVerdi ha allestito in occasione dell’Expo. Incontri tra musica e spettacolo,

lezione e concerto, che coinvolgono in modo diretto, appassionato, appassionante e

“interattivo” migliaia di piccoli fan – più che semplici spettatori – insieme con genitori

e nonni. Una rassegna che, attorno ai Professori de laVerdi, strutturati in formazioni,

ensemble, organici diversi, a seconda del programma proposto, vede la partecipazione

– ormai consolidata – di ospiti di prestigio internazionale, sia in ambito musicale sia

teatrale.

Come ogni ritorno importante anche il Crescendo, quest’anno, vuole proporre

novità: agli spettacoli che da alcuni anni ormai accompagnano questo percorso di

avvicinamento alla musica di giovani e giovanissimi (con la graditissima presenza di

Bustric e i suoi show che ci accompagnano tra Fiaba e Magia) laVerdi vuole associare

concerti in cui veri protagonisti diventano l’orchestra e la musica sinfonica. Una voce

recitante, insieme con i direttori che si avvicenderanno sul podio nei vari appuntamenti

della stagione, offrirà la chiave interpretativa perché i segreti e la bellezza del

repertorio sinfonico siano immediatamente accessibili anche ai più giovani ascoltatori

in modo semplice e diretto.

Temi legati al mondo dei bambini e dei ragazzi (dagli Animali alla Fiaba, per

proseguire con la Danza, i Giochi e la Natura) diventano l’idea guida per eseguire

brani musicali famosi o meno conosciuti, legati a questi concetti.

Così nel primo dei 15 appuntamenti, sabato 11 ottobre (ore 16.00), all’Auditorium

di Milano in largo Mahler, il tema de Gli Animali ci permette di presentare due

capolavori del repertorio francese: La Storia di Babar, il piccolo Elefante del

compositore Francis Poulenc, assieme al Carnevale degli Animali di Camille Saint-

Saëns. Per l’occasione, l’Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi sarà diretta

da Francesco Bossaglia, con l’eclettico Peppe Barra animatore e voce recitante.

Non mancheranno graditi ritorni al Crescendo come la collaborazione con

Espressione Danza, la scuola milanese che ci permette di associare ai

concerti sinfonici il balletto proposto dai giovani allievi. Dicembre 2014 vedrà la

rappresentazione de La Bella Addormentata di Čajkovskij e l’anno seguente quella del

Ballo Excelsior di Marenco-Carpi.

Le nostre formazioni I Percussionisti e Quintetto di Ottoni proporranno due

appuntamenti ricchi di energia e coinvolgimento per i giovani e meno giovani spettatori.

Altro graditissimo ritorno quello della Banda Osiris che proporrà, nel proprio linguaggio

comico ed educativo al tempo stesso, una Storia dell’Evoluzione Musicale dalla

preistoria ai giorni nostri, divertendosi e divertendoci insieme con l’Orchestra sinfonica.

Non potevano mancare gli incontri che coinvolgono direttamente le nostre compagini

artistiche più giovani: due gli appuntamenti per l’Orchestra Sinfonica Junior diretta

da Pilar Bravo (maggio e ottobre 2015) e uno per il Coro di Voci Bianche (novembre

2014) diretto da Maria Teresa Tramontin.

Il calendario degli appuntamenti

Sabato 11 ottobre 2014, ore 16.00

GLI ANIMALI

Poulenc, La Storia di Babar, il piccolo elefante

Saint-Saëns, Il carnevale degli animali

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Voce recitante Peppe Barra

Direttore Francesco Bossaglia

Sabato 15 novembre 2014, ore 16.00

LE PERCUSSIONI

I Percussionisti de laVERDI

Sabato 6 dicembre 2014, ore 16.00

L’AVVENTO

Saint-Saens Oratorio di Natale

AA.VV. Carole natalizie

Coro di voci bianche de laVERDI

Direttore Maria Teresa Tramontin

Sabato 13 dicembre 2014, ore 16.00

In collaborazione con Espressione Danza

NATALE CON LA FIABA

Čajkovskij La bella addormentata

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Corpo di ballo Espressione Danza

Direttore Giovanni Marziliano

Sabato 20 dicembre 2014, ore 16.00

NATALE CON LA FIABA 2

Rota

L’isola dei pappagalli

C’era una volta nella grotta

Il Natale degli innocenti

Canto di gloria

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Coro di Voci bianche de laVERDI

Maestro del Coro di voci bianche Maria Teresa Tramontin

Direttore Giuseppe Grazioli

Sabato 31 gennaio 2015, ore 16.00

LA DANZA

Ponchielli “La danza delle ore” da La Gioconda

Waldteufel I pattinatori

Khačaturjan “Danza delle spade” da Gayaneh

Prokof’ev “Danza dei cavalieri” da Romeo e Giulietta

Saint-Saëns Danza macabra

Dukas L’apprenti sorcier

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Kirill Vishnyakov

Sabato 21 febbraio 2015, ore 16.00

I GIOCHI

Debussy Children’s Corner L. 113

Bizet Jeux d’enfants op. 22

Faurè Dolly Suite

Mozart Sinfonia dei giocattoli

Piernè Marche des petits soldats de plomb

Orchestra laVERDI per tutti

Direttore Giulio Piccinelli

Sabato 14 marzo 2015, ore 16.00

LA NATURA

Grieg Peer Gynt Morning

Vivaldi La primavera

Beethoven Sinfonia n. 6 – II. Movimento (Scena ala ruscello)

Smetana La Moldava

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Andrea Barbieri-Torriani

Sabato 18 aprile 2015, ore 16.00

GLI OTTONI

Gli Ottoni de laVERDI

Sabato 16 maggio 2015, ore 16.00

LE MELODIE ETNICHE

Marzocchi Hozho, Il canto della notte

(ispirato ai canti degli Indiani Navajos)

Orchestra sinfonica junior de laVERDI

I Solisti de laVERDI

Direttore Pilar Bravo

Sabato 17 ottobre 2015, ore 16.00

GLI ANIMALI 2

Rimskij-Korsakov Il volo del calabrone da La fiaba dello Zar Saltan

Vivaldi Concerto n. 3 in Re maggiore Il gardellino, I. Allegro

Le quattro stagioni – Primavera I. Allegro

Respighi Gli uccelli, III. La gallina – V. Il cucù

Couperin L’usignolo innamorato

Joseph Strauss La libellula, Polka mazurka op. 204

Čajkovskij Il lago dei cigni II. Danza dei cigni – Coda

Musorgskij Quadri di una esposizione

V. Balletto dei pulcini nel loro guscio

Debussy Images II. Pesci d’oro

Rossini Duetto buffo di due gatti

Orchestra laVERDI per tutti

Direttore Giovanni Marziliano

Sabato 31ottobre 2015, ore 16.00

L’ORCHESTRA JUNIOR INCONTRA IL MONDO

Giovani Consonanze – V Edizione

Orchestra sinfonica junior de laVERDI

Sabato 7 novembre 2015, ore 16.00

L’ORCHESTRA

Breve riassunto della storia della musica per ascoltatori distratti

Banda Osiris

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Jader Bignamini

Sabato 5 dicembre 2015, ore 16.00

LE FIABE

Prokof’ev Cinderella op. 87

Pierino e il lupo

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Fantasista Bustric

Direttore Marcello Bufalini

Sabato 19 dicembre 2015, ore 16.00

in collaborazione con Espressione Danza

IL BALLO

Marenco-Carpi Ballo Excelsior

Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Corpo di ballo Espressione Danza

Direttore Andrea Oddone

Biografie

Francesco Bossaglia, direttore. Nato a Sassuolo nel 1980, si diploma in corno sotto

la guida di Stefano Giorgini, all’Istituto Musicale Pareggiato “Orazio Vecchi” di Modena.

Dopo il diploma entra a far parte dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

dove ha occasione di lavorare, tra gli altri, con direttori quali Yakov Kreizberg, Yutaka

Sado, Hansjoerg Schellenberger, Emmanuel Krivine, Riccardo Chailly, e molti altri,

registrando per Decca, Deutsche Grammophon ed RCA.

Si perfeziona presso la Roosevelt University di Chicago, dove tra il 2002 ed il 2006,

completa il Bachelor of Music, studiando con Dale Clevenger. Grazie a Daniel

Barenboim ha la possibilità di seguire le prove della Chicago Symphony Orchestra,

avvicinandosi così alla direzione d’orchestra.

Al ritorno dagli Stati Uniti si iscrive al corso di direzione del repertorio contemporaneo

tenuto dal Maestro Giorgio Bernasconi presso il Conservatorio della Svizzera Italiana

di Lugano. L’incontro con Bernasconi si rivela fondamentale: ne diventa assistente,

sia presso il Conservatorio di Lugano sia presso l’Accademia del Teatro alla Scala,

lavorando nell’ambito di diversi festival e stagioni di concerti (Festival Martha

Argerich, Biennale Musica Venezia, 900Presente per la Radio Svizzera). Alla morte

di Bernasconi conclude il Master in Ensemble Conducting sotto la guida di Arturo

Tamayo, di cui è ora assistente.

Ha diretto il Tiroler Ensemble fur Neue Musik, il Windkraft Ensemble, l’International

Ensemble Modern Academie Ensemble, l’Orchestra I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra

Toscanini, l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Ensemble 900 del Conservatorio della

Svizzera Italiana, l’Ensemble 21 di Amburgo, l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio

della Svizzera Italiana, registrando per la Radio Svizzera, la SWR, prendendo parte

a numerosi festival, tra cui Klangspuren in Austria e Transart in Italia, dirigendo

diverse prime esecuzioni (Giacomo Manzoni, Genoel Ruhele, Stas Omelchenko, e

altri), lavorando con compositori quali Salvatore Sciarrino, Giacomo Manzoni, Rudolf

Kelterborn, Bettina Skrzypczak, Aaron Cassidy, Massimiliano Viel, Giuseppe Nova,

Dimitri Kourliandski.

Di particolare interesse è la direzione musicale di progetti cross-media: dal più classico

teatro musicale da camera (Histoire du Soldat con il Clown Dimitri e la sua troupe),

a spettacoli multimediali con video, musica acustica ed elettronica, danza (Il Suono

Giallo di Wassily Kandinsky, A-ronne di Berio, Glossolalie 61 di Schnebel, Satyricon

di Bruno Maderna), fino alla riscoperta del repertorio radiodrammatico (Il mio cuore è

nel sud di Patroni-Griffi/Maderna, Il Testimone indesiderato di Brusa/Negri, Parole e

Musica e Cascando di Samuel Beckett), una miniera di opere di altissimo interesse

musicale e drammaturgico, purtroppo oggi virtualmente perdute.

I vari interessi musicali gli permettono di avere un approccio approfondito non solo

nell’ambito della musica moderna e contemporanea ma anche nel repertorio sinfonico

e operistico da Haydn in poi, fino ad arrivare al Jazz d’avanguardia ed alla musica

elettronica.

Peppe Barra, voce narrante. Figlio d’arte, nasce a Roma nel 1944 da una famiglia

di artisti napoletani, dalla madre Concetta eredita la felicità di stare in scena. Sin

dall’inizio nei suoi spettacoli teatrali predilige la musica e il canto: due componenti

importantissime e irrinunciabili col passar del tempo, tanto da determinare l’incontro

con Roberto De Simone e la Nuova Compagnia di Canto Popolare, incontro che

contribuirà in maniera significativa alla sua evoluzione artistica.

Nella seconda metà degli anni ’70 è stato uno dei protagonisti indiscussi della Gatta

Cenerentola, l’opera teatrale di De Simone, rappresentata con successo in tutto il

mondo. Negli anni ’80 fonda la Compagnia “Peppe & Barra” con la quale riscuote

grandi successi in Italia e all’estero. Interprete magistrale di canzoni e tammurriate,

di liriche teatrali e poesie, Barra compone in un unico affresco sonoro, melodico e

ritmato,gli echi del passato e i moderni ritmi del Mediterraneo.

Conoscitore e attento ricercatore della tradizione popolare, si dimostra particolarmente

felice nel “contaminare” i generi. Il suo repertorio contiene pezzi classici e brani suoi

o di autori a lui vicini, sempre eseguiti in dialetto per dare maggiore forza al significato

dei testi.

Agli inizi degli anni ’90 approda al suo esordio discografico come solista con Mo’ Vene.

Un disco (a cui partecipano Billy Cobham, Famodou Don Moye dell’Art Ensemble Of

Chicago e l’adorata mamma Concetta) in cui si afferma con forza la sua capacità di

interpretare in maniera nuova la musica popolare. Vince la targa Tenco 1993 quale

migliore interprete per l’anno in corso. Porta con successo Mo’ Vene nei teatri all’estero

(Pechino, Gerusalemme, dove rappresenta l’Italia al concerto per la Pace, Lisbona,

Barcellona, ecc.).

Dopo aver registrato per la Rai venti tra le più belle favole tratte da Lu Cunti de li

Cunti, ovvero il Pentamerone di Giambattista Basile, Barra traduce questa esperienza

in uno spettacolo teatrale: Lengua Serpentina, con gli arrangiamenti del maestro

Savio Riccardi. Allestisce lo spettacolo Napoli; dal ‘600 ai giorni nostri, in cui spazia

da Paisiello a Mozart, da Cimarosa a Peter Gabriel, passando da “Bocca di rosa” a

“Barcarola” .

Nel dicembre del 2000 interpreta il ruolo di Mister Peachum ne’ L’Opera da tre

soldi di Bertold Brecht e Kurt Weill, diretta dal maestro Heinz Carl Gruber (direttore

dell’Ensemble Modern di Francoforte). In qualità di attore lo abbiamo trovato

impegnato nel Pinocchio cinematografico di Roberto Benigni, in cui ha interpretato il

personaggio del Grillo parlante.

Nel 2003 è stato pubblicato il primo live Peppe Barra in concerto” con il quale festeggia

i suoi primi quarant’anni di carriera. Il 2003 è un anno memorabile per la carriera di

Peppe Barra, oltre 80 concerti con tappe all’estero, dall’Europa agli Stati Uniti ai paesi

del Mediterraneo (Israele, Egitto, Marocco, Tunisia).

Nell’agosto e settembre 2009 ha preso parte al film Passione di John Turturro che

racconta in pellicola la canzone napoletana attraverso i suoi interpreti.

Nel 2011 è stato pubblicato il suo ultimo lavoro discografico intitolato Ci vediamo poco

fa (prodotto e pubblicato dalla Marocco Music).

(Info e prenotazioni: Auditorium di Milano fondazione Cariplo, orari apertura: mar –

dom, ore 14.30 – 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, www.laverdi.org, biglietti euro 15,00/

12,50/7,50).

Il Progetto Educational, di cui la rassegna Crescendo in Musica fa parte, è

patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e

sostenuto da Regione Lombardia – Settore Cultura, Intesa San Paolo, con il

sostegno di Fondazione Cariplo, di CIDIM, Comitato Nazionale Italiano Musica, e di

Donna Kendall Foundation (Corona del Mar, California).

Giunto alla quattordicesima edizione, il Progetto Educational intende incentivare l’arte

dell’ascolto: arte che è alla base non solo della comprensione del linguaggio musicale

ma di qualsiasi processo educativo.

10, 11 E 12 OTTOBRE

SWING ‘N’ MILAN

con la partecipazione di Goodyear che celebra i tempi in cui le scarpe da Tip tap avevano le suole gommate Goodyear come i pneumatici delle auto

Nell’affascinante atmosfera degli Anni 30 e 40 in U.S.A., swing, lindy hop, charleston e balboa. Venerdì inaugurazione con Alfredo Rey Orchestra

Torna a Milano l’evento swing più cool d’Italia: “SWING ‘N’ MILAN”: il 10, 11 e 12 ottobre (c/o La Pelota, via Palermo 10), 3 giorni di musica, cultura, moda, cibo e danza catapultano nell’affascinante atmosfera degli anni 30 e 40.

Sulle note travolgenti del lindy hop, swing, charleston e balboa, suonate live dalle migliori Big Band internazionali, danzano nella balroom professionisti e appassionati con i loro inconfondibili look vintage.

Swing’n’Milan vede la partecipazione del piede alato di GOODYEAR, che celebra lo stile e il ritmo dell’America degli Anni 30, in cui l’azienda ha ricoperto un ruolo da protagonista nello scenario economico americano.Goodyear è oggi una delle principali aziende costruttrici di pneumatici del mondo con fabbriche in 54 stabilimenti in 22 paesi del mondo e due Centri di Innovazione che dettano fin dal 1898 gli standard dell’industria automobilistica.

Ma non solo auto: le scarpe da Tip Tap originali di quegli anni avevano la suola gommata Goodyear, e anche per questo il marchio sceglie di premiare i migliori ballerini della tappa milanese della Lindy Hop Cup, con il “Wingfoot Challenge”. I migliori “piedi alati” della serata riceveranno il trofeo che riprende lo storico marchio Goodyear, appositamente creato per l’occasione, e un premio di 500€. Nel corso della gara le coppie si sfideranno in figure ‘air step’, lasciandosi andare al ritmo contagioso dell’accompagnamento musicale rigorosamente suonato dal vivo.

I partecipanti alle serate potranno inoltre fissare i momenti più belli nel photobooth Goodyear, dove verranno immortalati mentre cercano di spiccare il volo saltando su pedane elastiche e scaricarli dalla pagina Facebook Goodyear (https://www.facebook.com/goodyear.italia?fref=ts)

Inaugurazione venerdì con la migliore big band italiana, l’Afredo Rey Orchestra che con la cantante Gilda ripropone il sound di Glenn Miller, Artie Shaw e Count Basie sia con i classici dell’epoca sia con riarrangiamenti originali di alcune cover attuali, brani di Lucio Battisti, Modugno, Madonna e Gianna Nannini. Da non perdere!

Prima di buttarsi in pista da ballo si potrà inoltre approfittare della consulenza di esperti per “rifarsi” il look dalla testa ai piedi: Memory Lane (vintage fashion), Bullfrog (barberia), La Petite (vintage skirt), Telma (vintage glasses and hats) e Terry Mania (hairstyle) che, armati di forbici, spazzole, make up, abiti, occhiali, accessori e tutti gli strumenti del mestiere, saranno pronti nei loro corner per dare al pubblico un perfetto swing style!

Vintage Bakery, l’american bistrot, già presente durante la scorsa edizione, propone invece un menù in puro American Style con hamburger, cheeseburger, bagel e ancora zuppe, cupcake, cheesecake.

E dopo aver ballato tutta la sera alla Pelota, la festa continua! In una location nascosta e segreta, proprio come ai tempi del proibizionismo, si svolgerà l’AFTERSHOW con dj set fino a notte fonda (il luogo dell’evento, che possiamo solo dire sarà in zona Loreto) verrà comunicato solo a tarda sera durante i giorni del festival, mentre l’acquisto del biglietto si potrà effettuare direttamente alla Pelota.

Durante la tre giorni al via anche il DANCE CAMP dedicato a tutti i ballerini già capaci di fare uno swing out che sarà diviso in tre livelli: “Beginners”, “Intermediate” e “Advance” (info, costi e iscrizioni su www.swingnmilan.it). Quest’anno, per la prima volta, ci sarà anche un corso “Lindy Start” (c/o Area Pergolesi, via G.B. Pergolesi 8) pensato per chi non ha mai ballato un passo di danza. I corsi sono tenuti da ballerini professionisti provenienti da tutto il mondo. Sabato 11 e domenica 12 ottobre dalle 13.30 alle 16.30 al costo promozionale di 30€ per un solo giorno e di 50€ per le due giornate.

IL PROGRAMMA

VENERDI

Apertura porte ore 20.00

DRINK’N’SWING APERITIF&DINNER con Vintage DjSet

Dalle ore 22.00

DANCE’N’SWING PARTY

con l’orchestra NINE PENNIES

ALFREDO REY AND HIS ORCHESTRA

Vintage DjSet fino a chiusura

I CONCERTI DI OTTOBRE E NOVEMBRE

Tra i protagonisti

Michel Camilo, Patty Pravo, John Scofield Trio, Terence Blanchard, Tiromancino, Stanley Clarke Band, Dianne Reeves, Chucho Valdés, Jack DeJohnette Trio,

John McLaughlin, Level 42, Stefano Bollani & Hamilton de Holanda,

Clayton-Hamilton Jazz Orchestra, Fabrizio Bosso & Julian Oliver Mazzariello Duo

E MOLTI ALTRI

Continua con successo la dodicesima stagione del BLUE NOTE di Milano (Via Borsieri, 37), l’unica sede europea dello storico jazz club di New York, che si conferma ancora una volta come uno dei locali live di punta in Italia, proponendo una programmazione che spazia dal jazz al blues, dal pop al rhythm ‘n’ blues.

Dopo l’inizio del mese di OTTOBRE con la Dual Band, Sarah Jane Morris, Alfredo Cavagna e Raul Midón, la programmazione prosegue con altri artisti di punta della scena jazz e non: l’eclettico Joey DeFrancesco, in grado di spaziare dal blues al jazz allo swing (8 ottobre), il celebre Luca Jurman in una rivisitazione personale di brani della scena musicale mondiale (9 ottobre), il pianista Michel Camilo, straordinario musicista dominicano (10 e 11 ottobre), un tributo a Sarah Vaughan ad opera della raffinata Joyce Elaine Yuille (12 ottobre), il cantautore israeliano Sagi Rei (14 ottobre), il quartetto capitanato dal pianista Antonio Faraò (15 ottobre), Bononia Sound Machine, una delle soul band più longeve ed apprezzate del panorama musicale italiano (16 ottobre), due serate speciali con Patty Pravo (17 e 18 ottobre), ilsupergruppo dei Doctor 3, composto da Danilo Rea, Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra (19 ottobre), il trio capitanato daJohn Scofield, uno dei chitarristi più interessanti della scena jazz internazionale (21 e 22 ottobre), il trombettista di NewOrleans Terence Blanchard (23 ottobre), l’attesissima tournée dei Tiromancino (24 e 25 ottobre), la giovane Anat Cohen con il suo nuovo progetto “Claroscuro” (26 ottobre), il pianista jazz, bandleader e session man Brian Auger, innovatore assoluto dell’Hammond B3(28 ottobre), la band di Javon Jackson, accompagnato sul palco dall’icona del soul e funk jazz Les McCann (29 ottobre),ed, infine, Stanley Clarke, leggenda del jazz contemporaneo (30 e 31 ottobre).

Questi, invece, i concerti ad oggi in programma per il mese di NOVEMBRE: una delle cantanti più prestigiose al mondo, vincitrice di quattro Grammy Awards, Dianne Reeves (1 novembre), il chitarrista Carl Verheyen con il suo “Mustang Run Tour” che vede ospite il celebre bassista elettrico Stuart Hamm (2 novembre), l’eccezionale duo composto dal trombettista Hugh Masekela e dal pianista Larry Willis (4 novembre), il ritorno del grande pianista jazzcubano Chucho Valdés (6, 7 e 8 novembre), il cantautore e pianista Ivan Segreto, che presenta il nuovo discoIntegra(9 novembre), il trio capitanato da uno dei più importanti musicisti della scena mondiale, Jack DeJohnette, e formato dai due figli d’arte Ravi Coltrane eMatthew Garrison (11 e 12 novembre), un evento speciale dedicato alla presentazione di4th Dimension, il nuovo progetto del leggendario chitarrista John McLaughlin (13 novembre), i Level 42, che festeggiano i 30 anni di carriera (14 e 15 novembre), la pianista giapponese Chihiro Yamanaka (16 novembre), il ritorno di una delle più acclamate cover band dei Dire Straits, gli Italian Dire Straits (18 novembre), lo speciale concerto di Stefano Bollani & Hamilton de Holanda, che presentano il loro albumO que será” (19 novembre), il duo formato da Kenny Barron & Dave Holland (20 novembre), laClayton-Hamilton Jazz Orchestra, un ensemble unico nel suo genere e che conta al suo interno ben tre band leader (21 e 22 novembre), lo spettacoloShuffledi Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello (23 novembre), uno storico membro degli Headhunters di Herbie Hancock, il batterista, produttore e compositore Harvey Mason (25 novembre), il dialogo musicale tra il chitarrista Toninho Horta ed il sassofonista Ronnie Cuber (26 novembre) ed, infine, UK Connection Trio, la nuova formazione internazionale voluta e ideata dal pianista jazz Andrea Pozza (30 novembre).

Il BLUE NOTE MILANO, che ha aperto i battenti nel 2003, si estende su una superficie di 1000 metri quadrati con 300 posti a sedere su 3 diversi livelli. L’atmosfera è quella di un elegante jazz club, e da ogni posizione della platea e della balconata lo spettatore può ascoltare le esibizioni di artisti di fama internazionale con il massimo della qualità acustica. La struttura e le dimensioni del locale permettono a tutti di essere ad un passo dai musicisti e godersi appieno il concerto.

Come vuole la tradizione ereditata dal leggendario club del Greenwich Village, una serata al Blue Note è anche l’occasione per poter vivere al meglio il binomio musica e cibo. Il servizio si effettua nella stessa sala dei concerti ed offre una cucina semplice ma raffinata, con specialità italiane ed internazionali, un’ampia selezione di vini italiani e francesi, più di 200 cocktail e liquori dal bar e quell’atmosfera speciale che solo il contatto ravvicinato con i grandi artisti, tipico del jazz club, può creare.

Ogni sera, salvo lo spettacolo unico della domenica ed eventuali variazioni di calendario tempestivamente segnalate sul sito internet (www.bluenotemilano.com), al Blue Note Milano si tengono due spettacoli (dal martedì al giovedì con inizio alle ore 21.00 e alle ore 23.00 mentre il venerdì e il sabato alle ore 21.00 e alle ore 23.30).

I biglietti per i concerti al Blue Note si possono acquistare collegandosi al sito internet www.bluenotemilano.com, o al sitowww.vivaticket.it; chiamando l’infoline del Blue Note 02 69016888, oppure direttamente presso il box office del locale. L’orario dell’infoline e del Box Office(via Borsieri, 37) è il seguente: Lunedì dalle 12.00 alle 19.00 e Martedì-Sabato dalle 12.00 alle 22.00.

IL RITORNO DI GINO SANTERCOLE

Pubblicato: 7 ottobre 2014 in Mondo Jazz

Straordinariamente e Una Carezza in un Pugno, due delle più belle canzoni cantate da suo zio Adriano Celentano, sono sue.

Cantautore, compositore, attore e chitarrista, Gino Santercole è autore di brani entrati nella storia della musica italiana.

Oggi Gino ha preparato un nuovo album, intitolato “Voglio essere me”con brani inediti come quello da cui l’album prende il nome, e brani riediti e romantici come "l’Ammore", oltre a musiche della sua passione e formazione: il Blues.

Musica buona, insomma.

A 74 anni Gino Santercole nel suo nuovo disco urla con grinta la sua identità e la sua autonomia dallo zio Celentano del cui Clan fece parte compomendo numerosissimi brani di enorme successo come ‘Svalutation’.

"In questo mio nuovo disco – racconta in un’intervista all’Adnkronos – c’è la musica che io amo e ascolto sempre, dal rock and roll al jazz, da Frank Sinatra a Louis Armstrong. Ray Charles poi mi ha tirato fuori l’istinto del blues. In italiano non è affatto facile scrivere blues – spiega – perché l’italiano non ha le parole tronche, ma sono riusciti bene nell’impresa mia moglie Melù e Ezio Picciotta che hanno scritto i testi".

"Questo pezzo, ‘Voglio essere me’ – dice Santercole – è proprio un blues che arriva dalla mia anima e io ho l’anima pugliese. La mia famiglia era pugliese. Da lì nasce tutta la mia cultura musicale, in cortile ascoltavo mio padre suonare una chitarra che si era costruito da solo, mio zio Amedeo era al mandolino e mia madre alla voce. Poi è arrivato il rock and roll e io sono andato a suonare la chitarra con ‘I Ribelli’ , primo gruppo di rock and roll, e poi da lì ho cominciato a scrivere canzoni, ‘Carezza in un pugno’, ‘Yuppi du’, ‘Inutile davvero’, ‘Straordinariamente’ che poi mi hanno detto che piace moltissimo a Sophia Loren", sorride.

"Il rock and roll – evidenzia Santercole – è stata la musica che ha sconvolto un po’ il mondo, da Presley a Fats Domino. Io anni fa volevo rifare il rock and roll e qualcuno mi ha detto. Ma dai, il rock and roll è finito. Ma invece non è vero. Quando tu senti certi pezzi, anche di Elvis Presley, che viene usato nelle pubblicità senza dire che è lui, capisci quanto non sia affatto finito. Il rock and roll ha dato significato a tutta la musica. Penso ai Platters, e quando Frank Sinatra ha cantato con Elvis Presley. E sento la mancanza di queste melodie. Oggi ci sono bravi cantanti, fanno il rap, noi comunque lo abbiamo fatto negli anni 60 e 70".

Ecco perché secondo Santercole "non solo il rock and roll dovrebbe continuare ma bisognerebbe incidere nuovi dischi. Io – confida canticchiando il famoso brano – ho scritto quella che molti ricordano come ‘A Mezzanotte sai’ (primo verso del brano, ndr) ascoltando ‘Strangers in the Night’. Ero lì che suonavo il pezzo con la chitarra e volevo provare a scrivere una canzone. Non lo avevo mai fatto. Così ho cambiato qualche accordo ed è nata la canzone intitolata ‘Una carezza in un pugno’". Infine una piccola postilla alla quale tiene molto: "La musica non conosce barriere di età, guarda Vasco Rossi. L’età non conta, finché c’è la voce e la voglia di cantare, si va avanti. Io, comunque, sono giovane-vecchio e la mia musica continuerà ad andare avanti”.