laVERDI: AL VIA INTEGRALE DEI CONCERTI DI BEETHOVEN

Lascia un commento

23 aprile 2014 di Jazz Digest

“Scala reale” per Beethoven:
al via i 5 concerti per pianoforte
Gaetano d’Espinosa torna sul podio de laVerdi
per dirigere il Concerto n. 1 del genio di Bonn
eseguito da Giuseppe Albanese

Venerdì 25 e domenica 27 aprile
Auditorium di Milano – largo Mahler

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Pianoforte Giuseppe Albanese
Direttore Gaetano d’Espinosa

Una “scala reale” per Beethoven. Con questo 31° programma della “Stagione del Ventennale”, comincia l’esecuzione dell’integrale concertistica per pianoforte del genio di Bonn, che si concluderà e metà giugno, a chiusura della stagione stessa.
E anche in questa speciale circostanza, laVerdi non viene meno ai suoi compiti istituzionali, dando spazio ai giovani talenti che, a “dispetto” dell’anagrafe, vantano già curriculum di altissimo livello. È il caso di Giuseppe Albanese, cui è affidata l’interpretazione del Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra in Do maggiore op. 15, accompagnato dall’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, guidata dal suo Direttore principale ospite, Gaetano d’Espinosa, che torna per l’occasione sul podio de laVerdi.
La seconda parte programma sarà tradizionalmente orchestrale, con la proposta al pubblico de laVerdi del Concerto per orchestra di Bartók. Appuntamento dunque venerdì 25 (ore 20.00) e domenica 27 aprile (ore 16.00) all’Auditorium di Milano in largo Mahler.
(Info e prenotazioni: Auditorium di Milano fondazione Cariplo, orari apertura: mar – dom, ore 14.30 – 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, http://www.laverdi.org, biglietti euro 31,00/23,50/18,00/13,00).

Programma
Inizia la serie integrale dei concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven. Rispettando l’ordine numerico, ascolteremo il Primo concerto op. 15, che però è tale soltanto di nome. Il primo a essere completato è infatti il Secondo op. 19. Ma è l’autore che ha voluto così, premiando la partitura meditata più a lungo, per circa sette anni, collaudata a Praga nel 1798, ritoccata per il debutto a Vienna nel 1801, stampata nel 1801. Sono i tempi e le cautele che Beethoven si concede per segnare le continuità e le innovazioni rispetto all’amato modello mozartiano.
Il programma si completa con un capolavoro della scrittura orchestrale del Novecento, quel Concerto per orchestra che Bartók scrisse nei suoi ultimi anni, durante il desolato esilio americano, su commissione del direttore d’orchestra e mecenate Serge Kousewitzky. La struttura è in cinque movimenti disposti in modo libero e costruiti per dare spazio alla bravura dei singoli strumentisti della Boston Symphony, cui il Concerto è dedicato. Fra le tante curiosità, spicca l’impietosa parodia della Sinfonia di Leningrado di Šostaković.
Enzo Beacco

Biografie
Gaetano d´Espinosa Classe 1978, è considerato uno dei direttori d´orchestra più promettenti della nuova generazione. Nato e cresciuto a Palermo, ha studiato violino con Mihal Spinei e composizione con Turi Belfiore. In seguito si è perfezionato con Salvatore Accardo all´accademia “Walter Stauffer” di Cremona. Dal 2001 al 2008 è stato Konzertmeister della Staatskapelle di Dresda, con cui ha anche eseguito, in veste di solista, il suo Concerto per violino e orchestra d´archi sotto la direzione di Christian Arming. A questo periodo risalgono anche il suo debutto come direttore d´orchestra alla Konzerthaus di Berlino e l´incontro determinante con Fabio Luisi, che lo invita come suo assistente a Vienna e più tardi al Pacific Music Festival di Sapporo, in Giappone.
Nel maggio 2010 debutta con grande successo alla SemperOper di Dresda con La Traviata; dirige inoltre la Philharmonia di Praga, la Filarmonica di Poznan, le Orchestre da camera di Dresda e Berlino, la Brandenburgisches Staatsorchester, la Thüringen-Philharmonie e la Kremerata Baltica. È questo l’inizio di una folgorante carriera che lo porta, in meno di due anni, a essere invitato a dirigere: Kremerata Baltica, Opera de Lyon, Graz Oper, Prague Philharmonia, Poznan Philharmonic, Dresden Chamber Orchestra, Orchestra di Santa Cecilia, Roma, Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi Verdi di Milano, Orchestra del San Carlo di Napoli, Orchestra del Massimo di Palermo, Orchestra della Fenice di Venezia, Kammerorchest Berlin, NHK Symphony Orchestra Tokyo, Gunma Symphony Orchestra, Osaka Japan Century Orchestra, Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra, Maggio Musicale Fiorentino, Opera de Limoges, Orchestre Philharmonique de Strasbourg.
D’Espinosa – al debutto con laVerdi a Milano – ha diretto l’ensemble di largo Mahler al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 2011. Nella stagione 2011/12 debutta con due nuove produzioni all’Opera di Graz, dirigendo Otello e Maria Stuarda e dirige concerti a Praga, Trieste, Venezia, Genova, Poznan e Varsavia e una nuova produzione del Trittico a Lione.
Nel luglio del 2013 ha debuttato all’Opera di Roma nell’ambito della stagione estiva alle Terme di Caracalla, con Cavalleria rusticana; a novembre 2013 ha debuttato in Svizzera, con l’Orchestra Sinfonica di Basilea.
Con la stagione 2013/2014 – la Stagione del Ventennale – ricopre il ruolo di Direttore Principale Ospite dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi.

Giuseppe Albanese Premio Venezia1997 all’unanimità (giuria presieduta da R. Vlad) e “Premio Vendome” 2003 (presidente di giuria J. Tate), si è diplomato in pianoforte a 17 anni al “G. Rossini” di Pesaro; a 23 anni consegue il Master all’ Accademia di Imola e, dopo la maturità classica, si laurea in Filosofia (tesi sull’ Estetica di Liszt nelle “Années de Pèlerinage”). A 25 anni è docente universitario di Metodologia della comunicazione musicale.
Si esibisce regolarmente nelle sale internazionali più prestigiose: Metropolitan Museum, Rockefeller University e Steinway Hall di New York; Cenart di Mexico City; Auditorium Amijai di Buenos Aires; Konzerthaus di Berlino; Laeisz Halle di Amburgo; Philharmonie di Essen; Mozarteum di Salisburgo; St.Martin in-the-fields e Steinway Hall di Londra; Salle Cortot di Parigi; Filharmonia Narodowa di Varsavia; Filarmonica Slovena di Lubiana; Gulbenkian di Lisbona. In Italia, è regolarmente ospite delle maggiori istituzioni musicali, a cominciare dall’Auditorium di Milano, per continuare con che l’Auditorium-Parco della Musica di Roma, l’Auditorium Toscanini della RAI e il Lingotto di Torino. Si è inoltre distinto per essere stato l’unico pianista a essere invitato da ben undici Fondazioni Liriche: il Petruzzelli di Bari, il Comunale di Bologna, il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Carlo Felice di Genova, il San Carlo di Napoli, il Massimo di Palermo, l’Opera di Roma, il Verdi di Trieste, la Fenice di Venezia, l’Arena di Verona. Di particolare rilievo gli inviti per un recital monografico su F. Liszt del Festival MiTo – SettembreMusica e del Winter Arts Square Festival di Yuri Temirkanov a San Pietroburgo.
Tra le sue ultime incisioni, singolare successo ha riscosso il cd monografico con musiche di Debussy pubblicato a gennaio 2012 per il mensile Amadeus in occasione dell’anniversario dei 150 anni della nascita del compositore francese. Con la registrazione di “Fantasia” debutta nel 2014 su etichetta Deutsche Grammophon.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

JazzCalendar

aprile: 2014
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: