Concerto "The Messiah" presentato da Accademia dei Pugni Milano e dalla Chiesa di San Marco in

collaborazione con l’Associazione Piero Farulli

Il concerto The Messiah – A sacred oratorio prevede l’esecuzione in forma di concerto la sera del 29 marzo

2015, Domenica delle Palme, dell’oratorio di G. F. Handel, capolavoro assoluto creato dal genio umano e

ispirato da Dio, con gli organici e i suoni che ricalcano quelli utilizzati da Handel nella prima avvenuta a

Dublino il 13 aprile del 1742.

La conferenza stampa fornisce l’occasione per incontrare i promotori dell’iniziativa e il direttore

dell’orchestra e coro Silete Venti!, Simone Toni, e per conoscere il percorso di ricerca sui suoni che egli ha

intrapreso basandosi sulla lettura del manoscritto del compositore. Il manoscritto di Handel ha infatti

rivelato suoni e dispiegato possibili modalità esecutive di spiccata ispirazione "italiana" e teatrale, che il

tempo ha cancellato e che per la prima volta verranno riproposte all’ascolto.

Il concerto, che nasce in collaborazione con la Chiesa di San Marco, e gode del patrocinio del Pontificio

Consiglio della Cultura e del Comune di Milano – Zona1, ha tra i suoi obiettivi quello di avvicinare un grande

numero di persone a un masterpiece della storia della musica ricreando il mondo di suoni per cui fu

composto e inserendolo nel contesto della Settimana Santa, periodo di grande significato liturgico,

spirituale ma anche umano,.

Il Messiah racconta di un dramma, quello di Handel, che fu colpito da ictus e che, ritenuto dai medici e dal

suo entourage come ormai inabile a comporre musica, invece si riprende miracolosamente. Dalla toccante

e dolorosa vicenda è nata la sua più alta opera d’arte.

La musica di straordinaria bellezza e potenza composta da Handel avrà in questa occasione interpreti

italiani di forte impatto, la fama dei quali è riconosciuta a livello internazionale: Emanuela Galli, Silvia

Vajente, Mirko Guadagnini, Raffaele Pé, Salvo Vitale e Marco Bussi. Le voci dei solisti sono state scelte con

attenzione al repertorio, alla rinomanza e alla qualità.

Le manifestazioni che in San Marco nel periodo della Pasqua vengono realizzate grazie all’impegno della

chiesa e delle organizzazioni che vi partecipano e che culminano con il concerto, prevedono anche la

presenza dell’orchestra e del coro nel contesto delle Messe del Triduo Pasquale. Da alcuni anni è stato

formato un coro di voci bianche nella chiesa e questi momenti sono realizzati anche per permettere ai

bambini di crescere con ideali alti a contatto con musicisti di grande talento.

Protagonista dell’esecuzione l’orchestra milanese Silete Venti!, dedita alla ricerca sui suoni e all’esecuzione

su strumenti d’epoca. L’orchestra sarà affiancata dal Coro Silete Venti! creato e organizzato da Raffaele Pé

e nel quale i solisti stessi saranno parte integrante. Orchestra e coro sono diretti da Simone Toni.

The Messiah rappresenta il secondo atto di un progetto pluriennale sulla Passione di Cristo, inaugurato lo

scorso anno con enorme successo di pubblico con la Passio Secundum Johannem di Bach eseguita a San

Marco, che ha suscitato anche grande attenzione da parte dei principali giornali nazionali e dei critici, i

quali hanno riservato all’evento parole bellissime. Il concerto dell’anno scorso è stato trasmesso in diretta

da Radio tre e sarà ripreso quest’anno dalla Radio Vaticana che lo riproporrà in tutto il mondo nelle due

domeniche precedenti alla Pasqua. Il video realizzato nell’occasione è stato acquistato dal canale Sky

Classica che lo trasmetterà a maggio 2015. Ulteriori notizie e foto riguardanti l’evento del 2014, primo atto

del progetto che prosegue quest’anno con il Messiah, si possono trovare nel sito di Silete Venti!

www.sileteventi.it

Nel 2016 poi il percorso musicale e spirituale dedicato alla Passione continuerà, con la preziosa

collaborazione dell’Internationale Telemann-Gesellschaft Magdeburg, con la rappresentazione della Brockes

Passion, il capolavoro assoluto di Telemann, in occasione del 300° anniversario dalla prima esecuzione a

Francoforte avvenuta nella Settimana Santa dell’anno 1716. Silete Venti! è stata infatti invitata a

Magdeburg per far risuonare il 18 marzo 2016 simile capolavoro nel prestigioso contesto del Telemann-

Festtage, per poi eseguirlo ancora a Milano grazie alla consolidata collaborazione con la Chiesa di San

Marco a Milano e con Don Luigi Garbini.

The Messiah – A Sacred Oratorio

musica di George Frideric Handel

Chiesa di San Marco, Milano, 29 marzo 2015

ore 20,30

Solisti: Emanuela Galli, Silvia Vajente, Raffaele Pe, Mirko Guadagnini, Marco Bussi, Salvo Vitale

Orchestra & Coro Silete Venti !

Maestro di concerto Simone Toni

Biglietti acquistabili on line su VIVATICKET: www.vivaticket.it; tramite call center 892234 e presso i punti

vendita autorizzati del circuito Vivaticket. PUNTI VENDITA AUTORIZZATI: Mariposa Duomo, libreria Egea

Milano, Franco Angeli Bookshop Milano, Mondadori (ex Messaggerie) corso V. Emanuele Milano, Ricordi

Media Stores, Casa del disco Varese, box office Feltrinelli Monza e molti altri .

La sera del concerto alle ore 17 nella chiesa di San Marco, Piazza San Marco 2, Milano, apertura biglietteria

e banco ritiro biglietti prepagati.

Posto unico . settore A € 30,00 . settore B € 20,00 . Ridotto under 25 e over 70 € 15,00

Concerto "The Messiah" presentato da Accademia dei Pugni Milano e dalla Chiesa di San Marco in

collaborazione con l’Associazione Piero Farulli

Il concerto The Messiah – A sacred oratorio prevede l’esecuzione in forma di concerto la sera del 29 marzo

2015, Domenica delle Palme, dell’oratorio di G. F. Handel, capolavoro assoluto creato dal genio umano e

ispirato da Dio, con gli organici e i suoni che ricalcano quelli utilizzati da Handel nella prima avvenuta a

Dublino il 13 aprile del 1742.

La conferenza stampa fornisce l’occasione per incontrare i promotori dell’iniziativa e il direttore

dell’orchestra e coro Silete Venti!, Simone Toni, e per conoscere il percorso di ricerca sui suoni che egli ha

intrapreso basandosi sulla lettura del manoscritto del compositore. Il manoscritto di Handel ha infatti

rivelato suoni e dispiegato possibili modalità esecutive di spiccata ispirazione "italiana" e teatrale, che il

tempo ha cancellato e che per la prima volta verranno riproposte all’ascolto.

Il concerto, che nasce in collaborazione con la Chiesa di San Marco, e gode del patrocinio del Pontificio

Consiglio della Cultura e del Comune di Milano – Zona1, ha tra i suoi obiettivi quello di avvicinare un grande

numero di persone a un masterpiece della storia della musica ricreando il mondo di suoni per cui fu

composto e inserendolo nel contesto della Settimana Santa, periodo di grande significato liturgico,

spirituale ma anche umano,.

Il Messiah racconta di un dramma, quello di Handel, che fu colpito da ictus e che, ritenuto dai medici e dal

suo entourage come ormai inabile a comporre musica, invece si riprende miracolosamente. Dalla toccante

e dolorosa vicenda è nata la sua più alta opera d’arte.

La musica di straordinaria bellezza e potenza composta da Handel avrà in questa occasione interpreti

italiani di forte impatto, la fama dei quali è riconosciuta a livello internazionale: Emanuela Galli, Silvia

Vajente, Mirko Guadagnini, Raffaele Pé, Salvo Vitale e Marco Bussi. Le voci dei solisti sono state scelte con

attenzione al repertorio, alla rinomanza e alla qualità.

Le manifestazioni che in San Marco nel periodo della Pasqua vengono realizzate grazie all’impegno della

chiesa e delle organizzazioni che vi partecipano e che culminano con il concerto, prevedono anche la

presenza dell’orchestra e del coro nel contesto delle Messe del Triduo Pasquale. Da alcuni anni è stato

formato un coro di voci bianche nella chiesa e questi momenti sono realizzati anche per permettere ai

bambini di crescere con ideali alti a contatto con musicisti di grande talento.

Protagonista dell’esecuzione l’orchestra milanese Silete Venti!, dedita alla ricerca sui suoni e all’esecuzione

su strumenti d’epoca. L’orchestra sarà affiancata dal Coro Silete Venti! creato e organizzato da Raffaele Pé

e nel quale i solisti stessi saranno parte integrante. Orchestra e coro sono diretti da Simone Toni.

The Messiah rappresenta il secondo atto di un progetto pluriennale sulla Passione di Cristo, inaugurato lo

scorso anno con enorme successo di pubblico con la Passio Secundum Johannem di Bach eseguita a San

Marco, che ha suscitato anche grande attenzione da parte dei principali giornali nazionali e dei critici, i

quali hanno riservato all’evento parole bellissime. Il concerto dell’anno scorso è stato trasmesso in diretta

da Radio tre e sarà ripreso quest’anno dalla Radio Vaticana che lo riproporrà in tutto il mondo nelle due

domeniche precedenti alla Pasqua. Il video realizzato nell’occasione è stato acquistato dal canale Sky

Classica che lo trasmetterà a maggio 2015. Ulteriori notizie e foto riguardanti l’evento del 2014, primo atto

del progetto che prosegue quest’anno con il Messiah, si possono trovare nel sito di Silete Venti!

www.sileteventi.it

Nel 2016 poi il percorso musicale e spirituale dedicato alla Passione continuerà, con la preziosa

collaborazione dell’Internationale Telemann-Gesellschaft Magdeburg, con la rappresentazione della Brockes

Passion, il capolavoro assoluto di Telemann, in occasione del 300° anniversario dalla prima esecuzione a

Francoforte avvenuta nella Settimana Santa dell’anno 1716. Silete Venti! è stata infatti invitata a

Magdeburg per far risuonare il 18 marzo 2016 simile capolavoro nel prestigioso contesto del Telemann-

Festtage, per poi eseguirlo ancora a Milano grazie alla consolidata collaborazione con la Chiesa di San

Marco a Milano e con Don Luigi Garbini.

The Messiah – A Sacred Oratorio

musica di George Frideric Handel

Chiesa di San Marco, Milano, 29 marzo 2015

ore 20,30

Solisti: Emanuela Galli, Silvia Vajente, Raffaele Pe, Mirko Guadagnini, Marco Bussi, Salvo Vitale

Orchestra & Coro Silete Venti !

Maestro di concerto Simone Toni

Biglietti acquistabili on line su VIVATICKET: www.vivaticket.it; tramite call center 892234 e presso i punti

vendita autorizzati del circuito Vivaticket. PUNTI VENDITA AUTORIZZATI: Mariposa Duomo, libreria Egea

Milano, Franco Angeli Bookshop Milano, Mondadori (ex Messaggerie) corso V. Emanuele Milano, Ricordi

Media Stores, Casa del disco Varese, box office Feltrinelli Monza e molti altri .

La sera del concerto alle ore 17 nella chiesa di San Marco, Piazza San Marco 2, Milano, apertura biglietteria

e banco ritiro biglietti prepagati.

Posto unico . settore A € 30,00 . settore B € 20,00 . Ridotto under 25 e over 70 € 15,00

Oggetto: SETTIMANA SANTA: laVERDI TORNA IN DUOMO CON LA PASSIONE DI BACH

laVerdi torna in Duomo di Milano con la Passione secondo Giovanni di Bach, in collaborazione con la Veneranda Fabbrica.

Il concerto si terrà mercoledì 1 aprile (ore 19.15, ingresso libero fino a esaurimento posti).

Altre due repliche (a pagamento) all’Auditorium di Milano in largo Mahler, martedì 31 marzo (ore 19.30) e venerdì 3 aprile (ore 19.00).

Torna a grande richiesta al Memo di Milano Stefano Signoroni, cantante, compositore, musicista e grande intrattenitore per un concerto/spettacolo con la super band capitanata da Flavio Scopaz, serata divertente che inaugurerà con allegria il weekend prepasquale.

Stefano è un crooner che interpreta e riarrangia le canzoni più piacevoli degli ultimi 50 anni, dai grandi successi di Mina (resi ritmatissimi…) a Tom Jones, Tony Renis fino al recente Happy, ma tutti con una ritmica trascinante che entusiasma il pubblico riscoprendo un genere di intrattenimento fatto di grande musica con molta eleganza e gusto.

Stefano è più volte apparso in Tv su Canale 5 e le altre reti Mediaset, è stato guest star al matrimonio di
Eros Ramazzotti e nel Osvaldo Signorini Show su radio Montecarlo per il quale eseguiva la sigla. Sempre nel 2014 esce il singolo “When i tell you that i love you” versione inglese del celebre brano di Tony Renis “Quando dico che ti amo”.

Ma Stefano non è solo un brillante musicista ma anche valente ricercatore in campo biomedico. Ha due Lauree in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche e presta consulenza presso l’Unità Tumori Ereditari della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. È pure autore di diverse pubblicazioni scientifiche su importanti riviste di settore. Insomma, un personaggio d’eccezione.

Cena Ore 20, concerto Ore 22

https://www.youtube.com/watch?v=enukc6fl0VU

 

Quando: Venerdì 27 Marzo 2015, ore 21.00

Dove: Blue Note, via Borsieri 37, Milano

 

 

Per gli appassionati della musica Sudamericana e del jazz è in programma un appuntamento da non perdere, venerdì 27 marzo 2015, al Blue Note di Milano si esibirà l’Iguazù Acoustic Trio.

Il gruppo nasce da una comune passione per le sonorità sudamericane, afrocubane e la contaminazione musicale, lo stesso nome scelto per il gruppo evidenzia un forte sentimento verso un mondo lontano ma musicalmente vicino.

Il trio nel 2010 esce con il Cd Rubio, con la presenza del grande percussionista Alex Acuña e distribuito da RaiTrade-VideoRadio a livello internazionale, raccogliendo recensioni favorevoli e consenso tra gli addetti ai lavori.

Venerdì il gruppo presenterà un nuovo progetto, sempre legato al mondo del latin jazz, ma con sonorità più elettriche, con il notevole supporto del saxofonista Daniele Comoglio e del chitarrista Luciano Zadro. La scena musicale sarà arricchita dalla presenza dalla portentosa voce di Paola Folli.
 

Iguazù Acoustic Trio

Fabio Gianni piano
Marco Mistrangelo basso
Alex Battini de Barreiro batteria e percussioni

Ft.
Luciano Zadro chitarra
Daniele Comoglio sax
SPECIAL GUEST Paola Folli voce

 

Info:

Evento Blue Note

www.iguazuacoustictrio.com

 

 

Erick Beltracchini

 

iguazù1

 

Stacey Kent

presenta

The changing lights

L’8 maggio

IN ANTEPRIMA NAZIONALE

all’Auditorium Parco della Musica di Roma

Venerdì 8 maggio alle 21 presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma (viale Pietro de Coubertin, 30 Stacey Kant presenterà dal vivo in anteprima nazionale il suo nuovo disco The changing lightsinsieme al suo quintetto formato da Jim Tomlinson (sax, flauti), Graham Harvey (pianoforte, fender), Jeremy Brown (basso), Josh Morrison (batteria). Il giorno 9 la cantante newyorkese sarà al Blue Note Milano.

Questo nuovo album, prodotto e arrangiato da suo marito, il sassofonista Jim Tomlinson, vede Stacey Kent interpretare alcune delle sue canzoni di Bossa Nova preferite, incluse “This Happy Madness”, “One Note Samba”, “How Insensitive”, accanto a canzoni originali composte da Jim Tomlinson, in collaborazione con Kazuo Ishiguro (The Changing Lights, Waiter, Oh Waiter, The Summer We Crossed Europe In The Rain), stessa coppia di autori di “The Ice Hotel” e “Breakfast On The Morning Tram”. Si trovano anche collaborazioni prestigiose come quella con il poeta portoghese Antonio Ladeira (“Mais Uma Vez”, “A Tarde”) e il paroliere francese Bernie Beaupère (“Chanson Légère”), l’autore di “Raconte-Moi” e “Venus Du Melo”.

Newyorkese trapiantata in Gran Bretagna, STACEY KENT è uno degli astri del panorama jazz mondiale. Nella sua musica unisce lo swing delle proprie origini americane alle influenze stilistiche e linguistiche europee. Dopo “Raconte – moi”, album cantato in francese, e il recentissimo “Dreamer in concert”, un live registrato a La Cigale di Parigi, esce “The Changing light”, con vari ospiti tra cui il leggendario chitarrista brasiliano Roberto Menescal, una piacevole miscela di Jazz, samba e bossa nova, nata dall’amore della cantante per la musica brasiliana. Con una decina di album al suo attivo, una nomination nel 2009 ai Grammy Award e una media di oltre 250 concerti l’anno, STACEY KENT è una delle cantanti jazz del momento. Trasferitasi in Inghilterra, dopo la laurea in letteratura comparata, la vita di STACEY KENT ha preso una svolta imprevista che l’ha portata a diventare in breve tempo una delle cantanti jazz più apprezzate. I primi passi in musica a Oxford nella cerchia degli studenti universitari, la portano ad approdare alla mitica CBS che la invita allo show televisivo Sunday Morning. La sua fama si amplia sempre più a livello internazionale con inviti in Giappone e Cina. STACEY KENT vanta numerosi dischi di platino e d’oro, nonché premi discografici e della critica internazionale. E’ passata dal Jazz Cat Club, con la sua vena raffinata e romantica, all’Olympia di Parigi e al Birdland di New York dove, nel dicembre scorso, ha registrato quattro sold out. Nel suo ultimo disco “Ao Vivo” ha collaborato con il compositore carioca Marcos Valle.

Il maestro Vince Tempera sarà Special Guest di Vik & Doctors of Jive alla Salumeria della Musica di Milano, domani sera venerdì 20.

Jive è un mix fra jazz, Rock& Roll e Blues. Fra i più grandi interpreti si ricordano Louis Prima e Ray Gelato. In Italia negli Anni 50 e 60 si affermavano due grandi innovatori della nostra musica, Fred Buscaglione e Renato Carosone. Il primo con i suoi brani di ispirazione jazzistica e testi affascinanti fra notti brave, donne e whisky, il secondo che impresse alla canzone napoletana i ritmo del rock&roll regalando alla musica alcuni classici oggi suonati in tutto il Mondo.
Dalla miscela fra questi quattro grandi nomi non può che venire un cocktail esplosivo e questo sono Vik & Doctors of Jive. Spesso indicato come il vero erede di Buscaglione, Vik (al secolo Vittorio Marzioli) è capace con il suo gruppo di 8 fantastici musicisti di divertire per ore il pubblico durante i suoi concerti, tanto da meritare la benevolenza di uno dei più noti direttori d’orchestra italiani, Vince Tempera, per 30 anni direttore al festival di Sanremo e ora “guru” dei Doctors of Jive con i quali non manca mai di essere ospite nei concerti.La band annovera grandissimi nomi del panorama jazzistico italiano Germano Zenga superlativo sax tenore e arrangiatore, Fabio Buonarota, Tommaso Bradascio, Tony Casuscelli, Carlo Napolitano, Cristiano Da Ross e non ultime le voci di Mara Poppy Galimberti e Chiara Vinci.
Fra brani classici del Jive, classici italiani riarrangiati nello stile, piacevolissimi brani di propria composizione e “pezzi” di Buscaglione e Carosone, ogni concerto di Vik conquista il pubblico con grande entusiasmo e richieste infinite di bis. Restano nella memoria la partecipazione al film Ameriqua con Giancarlo Giannini ed il loro ultimo concerto sold out al Blue Note Milano.

ORE 22